La festa dei vicini

Un giorno dedicato a fare una chiacchierata con i propri vicini.

Quante volte sento dire che le persone sono sole perché non riescono più a relazionarsi con i vicini: ognuno pensa ai fatti suoi, dentro le mura del proprio appartamento.

Diversi anni fa, nella mia via, c’era l’abitudine in settemre di organizzare una tavolata tra tutti vicini,una trentina circa, alla quale ognuno partecipava portando qualcosa. Chi un dolce, chi dei tramezzini, ci da bere, la riunione nel piazzale diventava un simpatico buffet dove si conoscevano meglio le persone che abitavano a 10 metri da noi (o forse meno).

“Ah, vedi che G. è un fotografo amatoriale come me, chi l’avebbe detto!”

Questi piccoli incontri non impegnativi, aiutano a socializzare meglio e a darsi un “ciao” guardandosi negli occhi il giorno dopo. Aiutano anche ad essere più tolleranti agli “errori” dei vicini, quando magari il gatto ti fa un piccolo danno o i bambini ti spruzzano l’acqua sui vetri appena lavati.

Molte “fastidi” vengono dissipati da questi incontri attorno ad un tavolo e quindi aiutano a convivere meglio e più serenamente.

La festa dei vicini

La mia idea sarebbe quella di istituire un giorno all’anno dedicato a questi tipo di incrontri tra vicini. Un gionro nel quale chi vuole organizza questa bicchierata nel cortile del condominio o nel giardino del fortunato vicino che ha un po’ di spazio per stare assieme. Anche un spazio interrato per accedere ai garage può andare bene.

Questo giorno potrebbe avere un segno caratteristico: essendo tutte piccole festicciole saparate, per unirle virtualmente si potrebbe stabilire che ad una certa ora tutti lancino in cielo dei palloncini.

Volete mettere l’effetto?

Qui l’aiuto di un organizzatore centrale è importante e potrebbe essere il comune o il comitato di quartiere nel caso di grandi città. Non serve molto, basta una bombola di elio e di qualcuno che regali un po’ di palloncini per la festa dei vicini.

Quanto effetto positivo potrebbe avere una iniziativa come questo nella convivenza tra le persone del vicinato?

Di più

Con un po’ di organizzazione in più, ma veramente poca, si potrebbero anche raccogliere le foto delle varie feste e dedicare una pagina del sito comunale a questo evento, per invogliare altri a partecipare l’anno venturo.

I sindaci dovrebbero pensarci perché costa nulla e produce molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Avvisami di nuovi commenti