Carro mascherato di Pollon 8: il sole

Il sole era troppo grande… non per il carro che lo doveva contenere, ma per riusce a maneggiarlo in sicurezza. Quindi abbiamo deciso di dargli un taglio e incernierarlo sul carretto in modo da poterlo “richiudere” durante il trasporto (il sole eretto avrebbe sollecitato troppo la struttura facendo resistenza con l’aria e, soprattutto, non sarebbe mai uscito dal capannone).

Alle 00:31 (avete letto bene) di un venerdì mitico, abbiamo tirato fuori il seghetto alternativo con la lama da legno rovescia ed è iniziata l’operazione chirurgica del sole:

che è finita così:

Mancando le foto della successiva aggiunta di un asse e delle cerniere, dopo aver preparato il pezzo due eroi della carpenteria sono saliti sulla cima e hanno fissato il tutto al carro:

Non ho ancora le foto (o il video) dell’effetto finale, ma non mancherò di pubblicarle.

Il sole andava poi tenuto fermo in due posizioni: verticale durante la sfilata e orizzontale durante i trasferimenti. Per la posizione richiusa, con un elastico da porta pacchi e due grucce di metallo dalle quali ricavare dei ganci, abbiamo trovato un modo di legarlo.

Per la posizione verticale, si è usato un ferro da armatura rimovibile che passa attraverso alcuni anelli fissati sul sole per poi conficcarsi in una sede all’interno della struttura.

Da ricordare che per fare questi lavori, essendo il capannone troppo basso, sono stati messi dei murali su carro per tenere le tegole del capannone sollevate…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Avvisami di nuovi commenti