Altro

Come fare la sagome di un m&m’s per carnevale

Scritto da Stefano

Quest’anno il carro sarà dedicato agli m&m’s. Questo tema dà spazio all’uso di tantissimi colori, visto che i famosi cioccolatini glassati sono colorati come l’arcobaleno, ma il tocco finale abbiamo deciso di darlo con delle sagome tridimensionali.

Quindi come fare? Nessuno di noi è carpentiere o saldatore, per cui bisogna provare ad inventarsi qualcosa. Ecco la soluzione che abbiamo messo in campo: si può fare tutto senza saldatrice e solo con cose recuperabili in magazzini per l’edilizia o ferramenta. Serve un trapano, pinze o giratubi, barre filettate, bulloni e rondelle, nastro carta e tanta pazienza.

La struttura

Per creare la raggera abbiamo usato delle grosse rondelle forate con il trapano (usate una punta al cobalto e possibilmente un trapano a colonna) per poterci agganciare 16 raggi. Per un m&m’s del diametro tra i 50 ed gli 80 centimetri 16 raggi sono sufficienti.

Se non forate con un trapano a colonna, mettete sotto la rondella un pezzo di legno.

Segnare i punti di foratura è facile: su un pezzo di carta create un cerchio e lo dividete in 16 parti (usate un goniometro o un compasso per trovare gli assi). Questo vi servirà come guida.Vi servono due rondelle per ogni m&m’s.

I raggi li potete fare con un fil di ferro sufficientemente rigido, noi abbiamo usato un 2.6 mm (plasticato perché avevamo quello, ma va benissimo quello zincato). Attenzione che il fil di ferro “cotto”, è di solito troppo morbido con diametri così piccoli.

I raggi vanno tagliati con precisione, tutti della stessa identica lunghezza, altrimenti poi diventate matti a completare la sagoma. Per andare bene, visto che il filo è in bobina e quindi ricurvo, su una tavola piantate una serie di chiodi che seguano la sagoma finale: vi serviranno per prendere le misure durante il taglio e poi per presagomare gli spezzoni prima di ancorarli alle rondelle. Gli m&m’s non sono rotondi!

I raggi alle estremità vanno piegati ad uncino (non troppo) e per farlo usate una pinza, pinzando sempre la stessa misura di ferro in modo da avere uncini tutti uguali.

Una volta fissati tutti i raggi alla prima rondella, passate alla seconda. Attenzione all’ordine. Finita la sagoma, ripassate tutti i raggi pinzandoli con forza in modo da dare maggiore rigidità al tutto.

La barra filettata potete aggiungerla in questo momento: non è strettamente necessaria in quanto, con il passo successivo la forma diventerà molto rigida, ma se dovete posi fissare la forma da qualche parte è d’obbligo.

Ora bisogna rendere tutto più rigido con degli anelli orizzontali. Stesso fil di ferro, bastano degli spezzoni che si possono fissare sui raggi con piccoli pezzo di fil di ferro sottile o, se volete fare prima, delle fascette di plastica da elettricista. Io ve le consiglio!

mms-sagoma-2

 

mms-sagoma-4

Copertura con la carta

Per poter stendere la carta sulla forma, è prima necessario rendere le maglie più strette: munitevi di nastro carta e procedere a piccoli pezzi. In alternativa potete provare con un rotolo di estensibile, ma vi serve “stretto”, quindi potreste trovarvi nella condizione di dover tagliare il rotolo a metà.

Una volta coperto a sufficiente di nastro carta, si copre con la solita tecnica: foglietti di carta leggere (quella degli elenchi telefonici), spennellata di una mistura di colla vinilica diluita al 50% con acqua.

Servono molti strati per dare un aspetto uniforme e soprattutto foglietti piccoli, non pagine intere dell’elenco telefonico!

Nelle foto vedete che alla sagoma in metallo e già ricoperta è stata aperta una finestra per applicare un braccio. Non fae così! I ferri delle braccia applicateli prima di coprire con la carta… e anzi, applicate anche i tubi che danno spessore alle braccia e fissateli bene (noi li abbiamo applicati dopo e tendono a “strappare”).

mms-sagoma-6

Colore

Per il colore, essendo stata usata carta di elenco telefonico, è necessario prima di tutto stendere un fondo (bianco nel nostro caso) in modo da uniformare. Il fondo è meglio darlo con il compressore. Poi il colore, sempre a spruzzo, con una o due mani almeno.

La scelta del fondo e del colore dovrebbe essere fatta con intelligenza: entrambi a base di acqua o a base sintetica. Se fate combinazioni strane (come ho fatto io per usare quello che c’era a disposizione), bisogna andare con veli leggeri di colore e attesa che asciughi prima di passare un secondo strato.

Braccia e gambe

Per le braccia e le gambe, oltre ad aver predisposto dei lunghi ferri ancorati alla struttura, abbiamo ritagliato dei pezzi di flessibile giallo (lo trovate nei magazzini di idraulica) e “bloccati” sul ferro riempiendoli di schiuma poliuretanica. Come dicevo prima, meglio fissare queste parti prima di fare la copertura con la carta in modo da agganciare anche il tuo alla struttura.

Piedi e mani, Occhi e bocca

I piedi e le mani sono stati ritagliati da lastre di polistorolo (denso) con un semplice taglierino affilato e poi agganciati sui ferri lasciati sporgenti di braccia e gambe. Per il piede, il ferro è stato piegato ad “L” dopo aver infilato caviglia e piede.

Gli occhi e la bocca sono il tocco essenziale per trasformare questi palloni in veru m&m’s. Per facilitare la realizzazione sono stati fatti con il pannolenci (stoffa) e poi incollati spennellandoli con colla vinilica: in pochi minuti si fa tutto e vengono benissimo.

mms-sagoma-7

Lucido

Alla fine di tutto ci vuole una buona spruzzata di lucido: potete scelgiere quello ad acqua o un monocomponente che asciuga in fretta. Se scegliere un lucido classico (vernice), badate che non vi faccia colare i colore sottostante!

Non resta che contarle sul carro ed il gioco è fatto!

mms-sagoma-8

Tutti i passaggi assieme


About the author

Stefano

Leave a Comment