Tu! Sei rosso, giallo o verde?

Non è politica, non è “razza”, tanto per chiarire. E’ vita.

rosso-giallo-verde

Il rosso, il giallo ed il verde sono tre colori standard nel mondo, pensate ai semafori o pensate ai dispositivi che hanno una “carica”. Il rosso è indice di pericolo, il giallo è sempre un intermedio, il verde indica che è tutto a posto.

Anche noi abbiamo uno di questi colori, in funzione dell’energia o della stanchezza che ci sentiamo dentro. Quando dormiamo troppo poco o lavoriamo troppo andiamo verso il rosso, quando siamo ben riposati andiamo verso il verde.

Di che colore sei tu oggi?

L’ideale sarebbe essere sempre verdi, perché il colore della nostra energia è anche una misura del nostro umore e della capacità di relazionarsi con gli altri.

Fateci caso: quando siete rossi siete anche irascibili. Non va bene nulla, vi arribbiate con chi non ha niente a che fare con la vostra stanchezza.

Quando siete verdi, siete più felici, più tolleranti, più disponibili a diffondere un sorriso.

Capire il proprio colore è importante perché l’essere umano tende ad assuefarsi e non rendersi conto che è in una situazione di rosso accesso!

Dormire poco, per i più svariati – magari anche giustificati – motivi ci tiene nel colore giallo se non nel rosso. Se ci abituiamo a stare in quella tonalità, ci abituiamo anche ad essere nervosi ed irritabili senza renderci conto che basterebbe un’ora di sonno in più per cambiare le cose.

Niente altro. Non andare in palestra, mangiare meglio, andare a correre. Solo un po’ di sonno in più in modo che a nostra batteria torni ad essere verde.

Avete sperimentato anche voi questa differenza tra il rosso ed il verde? E che colore siete di solito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Avvisami di nuovi commenti