Le miniere di Monteneve in Val Ridanna

In Val Ridanna ci sono delle antichissime miniere, le miniere di Monteneve. Antichissime perché sfruttate fin dal 1100 ma anche moderne perché l’estrazione si è fermata solo qualche decina di anni fa.

Oggi sono aperte al pubblico con una ricostruzione (in una vera galleria nella roccia) dei cunicoli dove lavoravano i minatori: viene ripercorsa la storia delle tecniche di scavo dalla punta e mazzetta alla dinamite.

Cosa scoprirete

Scoprirete quando avanzavano al giorno nella roccia scavando con punta e mazzetta infilati in un buco da 60×60 centimetri inseguendo la vena della galena argentifera (secondo voi?), o quando rumoroso è un perforatore ad aria compressa.

Sì, perché le attrezzature sono ancora tutte perfettamente funzionanti e le metteranno in funzione: dall’antico mulino ad acqua per frantumare le rocce a quello più recente a sfere di metallo.

Ambienti di lavoro che uno non immagina senza vederli e che può capire veramente solo quando le attrezzature sono accese e funzionanti.

Poi si scopre che cosa è il “cane” ed il sangue della montagna. Si scopre che ruolo avevano le donne nel lavoro della miniera e, soprattutto, in quali estreme condizioni vivevano.

Il percorso avventuroso

Tutto questo solo nella parte didattica. Poi arriva il bello scegliendo il percorso avventuroso. Stivali, giacca, elmetto con lampada ed imbragatura… e si entra nella vera miniera.

Prima con un autobus che ti fa salire a 2000 metri.

Poi un po’ con il trenino un po’ a piedi, arrampicandosi sulle scale ripide e vivendo per un po’ gli ambienti di lavoro dei minatori. Freddi, umidi e bui. E quando dico bui, intendo il buio ed il silenzio assoluti che possono esserci 3 chilometri dentro una montagna.

Il percorso avventuroso vale il costo più alto del biglietto? Assolutamente sì e se avete una gopro portatela con voi!

Le guide della miniera

Ogni passo viene fatto con una stupenda guida che nel nostro caso non solo conosceva tutta la storia della miniera, ma aveva anche l’esperienza della vita del minatore ereditata dalla sua famiglia. La vita da minatore quella vera, non solo quella letta sui libri.

E lascia molto da riflettere il fatto che la miniera sia stata fermata perché gli stessi minerali vengono estratti in altre parti del mondo a minor prezzo… sulla pelle dei minatori del terzo mondo.

La visita a queste miniere è estremamente educativa (per tutti) e ci ricorda che dietro a qualche oggetto comune che abbiamo a casa potrebbe esserci del lavoro estremamente faticoso e usurante.

Trovate molte altre informazioni nel sito delle miniere di Monteneve.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Avvisami di nuovi commenti