Web design: trova le differenze

Lavorando nel campo del web, mi è capitato di vedere decine e decine di progetti grafici di siti e/o di servizi da utilizzare con un browser. Qualche giorno fa mi sono trovato difronte a due “pannelli” di home banking destinati a pagare l’F24 online.

L’uno era di Fineco e l’altro di Deutsche Bank. Metterli a confronto mi ha costretto a scrivere questo articoletto per mostrarveli. Come dico sempre a tutti quelli che lavorano nel web, il tuo compito è comunicare.

Sia che ti stia disegnando una pagina, sia che tu la stia “animando” con del codice, quello che alla fine farai è interagire con una persona, comunicare con lei. Se tieni presente questo il tuo lavoro avrà la massima qualità possibile, senza essere guru, anzi i guru sono quelli che spesso hanno maggiori difficoltà a comunicare.

C’è chi chiama questa comunicazione “usabilità”, ma uno strumento facile da utilizzare è semplicemente uno strumento che comunica da solo come va usato… e chi ha costruito questa comunicazione è alla fine il designer assieme al programmatore. Che poi tra i due sia il solito amore-odio è dovuto a questa mancanza di comprendere il loro lavoro.

Torniamo al mio F24 e ai due pannelli di pagamento di Fineco e Deutsche Bank. Il primo è quello di Deutsche Bank. Ha tutto quello che serve, ma qualche campo non è in ordinato come nella stampa che ti viene consegnata per fare il pagamento. Ed ogni non-corrispondenza con il cartaceo ti lascia sempre il dubbio “ma sto pagando nel modo corretto”?

db-f24

 

Questo è invece il pannello di Fineco. Non solo ha tutto quello che serve, ma è identico alla stampa che ti viene consegnata quando il commercialista te lo compila. Identico. Non puoi sbagliare ad inserire i campi. Hanno anche un sistema di controllo dei codici inseriti efficiente e una validazione a prova di incapace.

fineco-f24Chi ha fatto il sistema di pagamento per Fineco, che gli sarà costato sicuramente fatica, sono dei comunicatori e poi dei designer, dei programmatori, dei project manager.

Da domani, fate anche voi la differenze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Avvisami di nuovi commenti