Facebook manipola la vostre emozioni e quindi la vostra vita

Nel 2012, avrete letto, Facebook ha condotto un esperimento sul pubblico di lingua inglese. Il social network ha selezionato circa 1.000.000 di utenti e nelle loro bacheche ha “forzato” un numero maggiore di notizie negative o positive per verificarne l’effetto.

Una notizia era giudicata positiva o negativa a seconda delle parole contenute e, ancora, il comportamento è stato valutato come positivo o negativo se gli utenti reagivano con un maggior uso di parole positive o negative.

La domanda era quindi: se ti faccio vedere più articoli negativi, tu avrai un atteggiamento più negativo? E se ti faccio vedere articoli positivi, sarai più positivo?

emoticon-facebook

La risposta è stata una effettiva capacità di influenzare il “sentimento” delle persone. Ma d’altronde è una cosa che ci si può attendere.

Il vero punto è un altro: Facebook ha milioni di utenti, in ogni nazione. Quanto sarebbe in grado di influenzare l’umore di una nazione se Facebook manipolasse in modo appropriato tutte le bacheche degli utenti di quel paese?

O ancora, in caso di eventi come le elezioni politiche, referendum, scandali, eccetera, quanto sarebbe in grado di manipolare il risultato o l’effetto degli stessi?

La manipolazione è sempre stata un’arte esercitata dai quotidiani o dalla televisione, che erano prettamente nazionali, ma ora c’è un canale internazionale, i social network, che permette una possibile e reale e incontrollabile interferenza dall’esterno. Non solo incontrollabile, ma subdola e difficile da identificare.

Ecco altri articoli:

I social network succhiano ed immagazzinano nostri dati ogni giorno. Se pensate che non siano importanti,...
Le pagine di Facebook hanno lo scopo di creare una versione facebook-social di un elemento del mondo...
Ecco l'idea del giorno: creare un sito, un ebook, un libro, un video corso che spieghi alla gente comune...
Immaginatevi di avere un litigio con un amico e di scambiarvi delle parole poco piacevoli. Immaginate...
Forse sapete della cagnara scatenata su Facebook quando il social network ha censurato delle foto di...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Avvisami di nuovi commenti